Trilogia Senza Respiro (mie poesie White Fearn)

Senza respiro (mie poesie)

18 Febbraio 2011  
Moon_Light_by_Senderosolvidados.jpg picture by middleblood
Trilogia Senza Respiro

             Senza respiro

Pelle fredda

spalle intorbidite

occhi socchiusi

mare di blu profondo

sottofondo ignoto

in memoria di delizie

ora come sabbia

tra le mani

scivola il destino

LOSTLOVE.jpg Lost Love

il vetro si sgretola

incide come lame

labbra viola

specchio che bacia il suo riflesso

graffio di luna

premevan sul corpo

poi torna il sereno…

il corpo disteso

abbandonato a quel sole

che quasi di sogno

appartiene ad un mondo

senza respiro.

Merlino – White Fearn (LupoBianc)

 

—-


18 Febbraio 2011 da
darkdress.jpg picture by middleblood
Trilogia Senza respiro

                  Senza quella carezza

rivoli d’acqua

raffiche di vento

a scompigliar i capelli

a coprir il viso

che a metà tace dell’amaro destino

vitreo l’occhio coperto

e la nube, come pece

riflessa sulla veste

viso coperto

non più voce

dolore senza eco

il tempo si ferma

non più lotta

senza la speranza

di quella carezza

ormai lontana

senza quella carezza

nulla ha più senso.

Merlino – White Fearn (Lupo Bianco)

 
candles.jpg picture by middleblood

——

il 18 Febbraio 2011

 
crow.jpg picture by middleblood
Trilogia Senza respiro
       Vivi ancora…

vivi senza morire

Solitude_of_a_Vampire.jpg picture by middleblood

ancora un po’

presto abbandonerò queste spoglie

e potrai salutarmi

tu rimani

canta per me, 

music.jpg picture by middleblood

prepara un talamo

come si addice all’antica religione

preparami il giaciglio

il letto dei sogni

brucia le ultime erbe

componi l’incanto

quello mio segreto

a te donato

vivi

e ti passerò accanto

il sole è bianco

le nubi spoglie

senza pioggia

vivi senza morire

non pensare a me

dovunque sarai

io sarò

un amore che non finisce

vivi in quell’incanto del mio sogno

vivi ancora….


traccio col gesso

la spirale

di nomi sacri racchiusa

fuoco acceso

cerchio

e poi il baluginare della luce

fuoco che brucia

fuoco che cresce

fuoco che sale

dentro a quella luce.

Merlino – White Fearn (Lupo Bianco)

 
Annunci

Solo per i tuo occhi (White Fearn)

 

SOLO PER I TUOI OCCHI (mia poesia)

19 luglio 2010

SOLO PER I TUOI OCCHI

Cammino con passo sicuro

Nel buio

Della notte,

profumo di alberi e del bosco,

profumo che non dimentico

quella notte, c’eri tu

seduta su un vecchio tronco caduto,

guardavi il fiume pensierosa

del tuo destino,

io penetravo il tuo sguardo

ed un dolore sentivo,

che non potevo fermare,

ti lascio libera

ai tuoi pensieri

così inseguo i suoni,

e gioco con gli esseri della notte,

mi allontano,

pur sapendo che,

una scelta avevi fatto,

che profumo nell’aria,

il tuo scialle volava…..

sospinto dal vento….

Dove sei?

Non ti vedo,

il fiume ti prendeva con sé….

Piano scendevi in quel baratro,

per cercarne la sua fine….

Corro, e salto in quel fiume

Ma ormai ti trascina velocemente

E sempre più a fondo….

Nulla posso fare,

ma già sapevo, poiché vedo…

mi lascio trascinare dall’acqua,

sperando… in te….

che il destino possa cambiare…

la mia forza viene meno…

sei lontana… lontana…

ma non per il richiamo del Lupo…

Ascoltami mia Regina,

Regina dei Fiumi e delle Acque

Accoglimi, ti dono la mia magia…

Notte…
Cammino…

Così ora nella notte vago,

solitario, senza più protezione,

senza magia,

l’ululato del lupo potrai solo sentire,

ma io triste continuerò a vagare lontano…

non sarò più al tuo fianco.

Mia Signora ascoltami

Regina dei fiumi ti faccio un dono,

ti dono la mia magia, la mia forza,

la mia leggenda, ti dono la mia vita

affinchè tu possa riportare lei

al di là della riva…

Ora ci sei tu

In cima a quella collina

Guardi la Luna

Il tuo scialle sospinto dal vento

Bianco come il mio manto

Profuma di te

Ora ci sei tu

Nella mia collina dove guardavo la

Dea della notte,

ora sei tu

che senti gli Esseri Fatati,

ora la Magia ti accompagna,

il Sacro è con te,

ed il tuo sguardo come

quello di un lupo

penetra la notte

ed il destino.

Regina dei fiumi

Ti ringrazio col cuore…

ti ho donato

La mai vita per lei.

Ora Nella notte vago,

Vago

il tuo scialle vola

sospinto dal vento….

E Sento il tuo profumo

profumo che non dimentico

e cammino come un fantasma

solo

solo per i tuoi occhi

solo per i tuoi occhi

Marck – White Fearn (Lupo Bianco)

Il tuo sguardo…segue quell’ombra (WhiteFearn)

 

Il tuo sguardo… segue quell’ombra

Il tuo sguardo segue

Perso in quel ricordo,

quell’ombra…

profumo di lavanda e di erba dolce,

a colorar le notte, dove la luna

attendea i nostri volti,

persi…

In baci e carezze danzanti…

Ora che il vento muovendo,

quel pensiero

sopraggiunge…

Ed in quell’ombra triste

Segue il tuo sguardo.

Marck White Fearn

PS. Disegnino mio 🙂

Specchio di Luna e manto argentato (WhiteFearn)

 

Specchio di Luna e manto argentato ( WhiteFearn)
La Luna è piena lucente profilo perfetto nel Cielo
…lei camminava sull’acqua,
riflesso della luna sulla sua pelle,
specchio di luce su quel lago,
carico di antichi ricordi…
e poi ancora lei…
la mano che indica quell’acqua…
profonda come l’abisso,
e come quell’ombra
che incute timore allo sguardo che non va oltre…
una mano per benedire,
una mano per brandire
quel potere che rende Dei quegli uomini mortali.
Ascolta i segnali,
ascolta il vento, ascolta quei lupi lontani…
ascolta lui, che canta alla luna il suo voto,
che ulula quell’amore anelato,
che dichiara quell’amore che
solo la Luna può capire in modo incondizionato…
lui…sull’orlo del precipizio attende…
Attende quella mano, che lo può placare,
quella mano che con un unico gesto
lo può far precipitare o salvare…
Specchio di luna…che si riflette sul suo manto…
Che, come un’ incanto è argentato…
Ed ancora quel canto…
Quel suo ululare alla Luna…
e quel suo riportare la voce ad antichi ricordi…
dove loro camminavano su quello specchio di luce.

White Fearn

Nel centro del Sacro (WhiteFearn)

 

Nel Centro del Sacro

Nel Sacro Cerchio io mi inchino…
prego e piango….
la Luna si riflette sul Cerchio,
onde di Luce si propagano in successione…
il dolore cresce…
guardo il Cerchio,
sono il centro di quel luogo che non ha confini…
il cuore si apre….
un rivolo riga il viso….
sentimenti… amore… e poi
la Luce.
Sono nel centro del Sacro che tutto comprende.

(WhiteFearn-LupoBianco)

Le nuvole e poi tu… (White Fearn)

 

 Le nuvole e poi tu…
 
guardo le nuvole lassù
le guardo come le guardi tu
come mi hai mostrato
cercando le sfumature
le storie
i viaggi
e poi un animale,
un fiore, ed ancora una nuvola,
poi un cuore e
improvvisamente arrivi tu
nella mia mente
emozioni… ricordi… pensieri
mentre una lacrima nasce tra le pieghe del mio cuore.

White Fearn 

nuvole_500

Graffi sulla pelle (WhiteFearn)

 

 

labbrarosa_467

24/08/2010

 Ho chiamato Graffi sulla pelle una coppia di poesie:

Come una danza la tua pelle e Lasciami….
        Come una danza la tua pelle
 
con le tue mani come una danza,
componi un movimento su di me,
e le unghie prendono a graffiarmi
poi
le tue dita  sfiorano  la mia pelle…
ed ancora una danza
dove in questa notte stellata
sentiamo  in lontananza il canto dei lupi
che approva la nostra unione,
 
Scivola ancora su di me
dolce anima
scivola
con la pelle, con il tuo corpo
ed ancora…
Le tue mani su di me….
poi appogiati con il tuo peso,
premimi,
spingimi,
modellami,
plasmami,
fai di me
musica
e amami
fino a sfinirmi.
 
White Fearn
 

—-
  
 

—-
       

            Lasciami…
 
Resta con me questa notte
solo appoggiata a me
sul mio petto
come a me piace,
lascia il tuo cuore dentro il mio
resta nel silenzio…
mentre i battiti e le emozoni
prendono il sopravvento
resta con me
e lascia che le tue mani
che ancora profumano di fiori,
entrino in armonia con i pensieri
morbidi ed eccitanti,
e sfiormami il collo
con la mente,
bacia i miei pensieri,
le mie voglie,
tra i sogni proibiti,
lasciami il dolore,
il tuo graffio la tua passione,
lasciami il ricordo
nella pelle della tua presenza…
lasciami, lasciami parte di Te.
 
White Fearn
 
 

Mie Poesie: Il bracere dorato…; Luce nel cammino

Il bracere dorato e la veste di candido cielo – poesia di WhiteFearn
A cavallo di una nuvola arriva

avvolta in una veste di candido cielo

una fascia sventola dalla sua veste

e come una carezza

abbraccia il vento

fiori di luna

che per rispetto

al suo passaggio è come

se chinassero il loro capo.

Lui

il cui volto richiama il manto del bosco

occhi di nebbia densa

la barba dal profumo del muschio,

custode di eroi, di ricordi,

di spoglie mortali

o di antichi messaggi

attende…

a terra

il bracere dorato

che ha donato il suo aroma

bruciando per secoli

al cospetto degli dei

spande un’aroma leggero.

La fanciulla si chiede fra sè,

se si sia persa

in un sogno…

anche se

gli dei tutto ascoltano e guardano

“Sul filo della corrente tutto finisce per arrivare al mare.

Sul filo della vita anche gli uomini finiscono per ritrovarsi”

ma agli occhi di un saggio

nulla è celato, ciò che è

racchiuso nel profondo del cuore.

(Marck – White Fearn)

dedicato a colei che

apre uno squarcio di luce tra le tenebre

 —————————

Luce nel Cammino

Se potessi
essere come quel faro e
dirigere il tuo cammino,
affinchè tu non ti perda,
affinchè tu non cada o
ti infrangi tra le rocce.
Se potessi,
una volta che tu hai perso la strada
ed essere quella Luce,
e prenderti per mano…
accompagnarti per
breve tempo,
affinchè tu possa ancora ricordare,
quale sia il tuo cammino.
Se potessi essere
quella Luce….
che dà speranza al tuo cuore….
affinchè tu non smarrisca
mai il tuo percorso
al Divino.
Se potessi….
essere Luce…
quella luce che mai si spegne…..
che dura nel tempo,
nonostante la tempesta,
o la notte….
Se potessi
essere solo
per brevi attimi,
un Angelo per toccarti il tuo cuore…
Se….
infine potessi….
essere nella
Luce
di quel faro….
solo la luce….
solo una
Luce nel cammino.

(Marck – White Fearn)

Voci precedenti più vecchie

Sciamano

Sciamano

...